Hari-Bhajan-KaurL’esperienza di Hari Bhajan Kaur

Crystallizing the Diamond nasce dalla presa di coscienza della necessità di approfondire  le tematiche di base del kundalini yoga, sia a livello didattico che esperienziale che non sono affrontate nel secondo livello.
Nel  Corso Insegnanti di II° livello, sono sviluppati quegli aspetti della Scienza dell’Umanologia che rappresentano  le cinque colonne portanti delle relazioni con noi stessi, con gli altri e tutto ciò che ci circonda.
L’idea di Crystallizing the Diamond, invece, è di approfondire i tre strumenti fondamentali per coltivare lo yoga e sperimentarne gli stati più elevati: Asana, Pranayama, Pratyahar e le fondamenta di questa disciplina Yama a e Niyama.

L’idea era semplice ma nello stesso tempo coraggiosa; si trattava di creare un percorso sistematico, che potesse facilitare e sostenere la crescita e la presa di coscienza dello studente man mano che  procedeva nei vari moduli.

Ho avuto l’onore e l’onere di organizzare il progetto dalla sua nascita insieme al suo ideatore e mio mentor Sadhana Singh. Era il 2009 e nasceva il primo modulo del progetto: “Lo yoga delle Asana ” a Roma. L’idea innovativa di Crystallizing the Diamond era stata quella di chiamare ad insegnare in un unico corso Insegnanti che avevano appreso direttamente dal Maestro e avevano fatto esperienza della tecnica per lungo tempo con loro stessi.

Un team eccezionale in cui vi erano insegnanti di grande calibro e maestria come Guru Dev Singh, Shiv Charan Singh, Avtar Kaur, Guru Charan Singh, Sada Sat Kaur, Guru Prem Singh, Tarn Taran Singh, Ram Rattan Singh e, come Insegnante e direttore didattico Sadhana Singh.

guru-dev-singhdownload AvtarKIMG_4880-_side_head_smile_croppedf726cd0a4c3e4bf484515173c18db6d6guru-prem-115x115u2YsrUC7UVgIMG_1562-81794_200x200yoga 034

Gli studenti avevano risposto con grande entusiasmo a questa iniziativa e il nostro centro yoga a Roma, dove eravamo soliti tenere i corsi, non poteva contenere tutti gli iscritti. Con l’aiuto del Guru, siamo riusciti a fare il corso in un posto meraviglioso, Cascina Farsetti all’interno di Villa Pamphili. Il posto si è riempito talmente tanto dell’energia del nostro yoga che, alla fine dei nostri incontri, è stato richiesto per ospitare il Festival annuale dello yoga a Roma. Questo testimonia il potere della Catena d’Oro, di avere un impatto sia sulle persone che vengono a contatto degli insegnamenti che sui luoghi che li ospitano.

ev6450(1)-oriRicordo ancora quanto entusiasmo e dedizione ma anche quanta fatica ad ogni incontro per trasformare le sale di questa antica villa un po’ abbandonata in un posto adatto a praticare yoga e ad ospitare nel modo più adeguato possibile anche 70 persone.

Ancora grata a cari amici come Guru Seva Kaur, Guru Meet Singh, Indra Kaur, Navneet Kaur, Bhagwati Kaur, Nirankar Singh, Hansmukh Kaur e a tanti altri che mi hanno aiutato a pulire, allestire le sale, portare materiale, preparare e servire il cibo, servire gli insegnanti e gli studenti con un grande spirito di servizio e sostegno.

Da questo primo giro sono nati dei manuali ottenuti dalle trascrizioni complete e fedeli delle parole degli insegnanti e dai kriya da loro scelti per fare avere un’ esperienza nella pratica di ciò che spiegavano. Ogni insegnante ha portato la propria unicità e ogni sfaccettatura dei quattro moduli è stata toccata con grande maestria. Questi insegnanti hanno quindi tracciato un percorso esperienziale che è stato rafforzato e raffinato con la ripetizione dei singoli moduli o dell’intero percorso a Milano, Verona, Cagliari, Stoccolma, Monaco e prossimamente a Praga, in Finlandia e di nuovo a Roma.

Un ringraziamento particolare va alle organizzatrici con cui ho collaborato: Sarvjiit Kaur di Verona, Sat Sangat Kaur di Milano, Jai Hari Kaur e Satwant Kaur di Cagliari, Hari Jot della Svezia, Indra Kaur di Monaco per la loro dedizione, professionalità e amore verso gli insegnamenti. E’ stato veramente un onore lavorare con loro. La nostra intenzione profonda è continuare a servire con purezza e amore gli insegnamenti e gli studenti che si avvicinano ad essi. Questo progetto ci dà la possibilità di farlo in modo eccellente e sempre nuovo prendendo forza dall’esperienza delle volte precedenti.

La prima sfida era stata di mettere insieme tanti insegnanti così eccellenti, ora la sfida è far sì che al lavoro fatto fino ad ora si aggiunga l’esperienza di nuovi insegnanti e la dedizione di nuovi organizzatori che possano arricchire e migliorare questo progetto con la propria unicità e con nuovo entusiasmo.

Quale amore e devozione, Hari Bhajan Kaur