Geometrie sacre praticate con devozione

C’è una linea in Asa di Vaar e questo è nelle parole di Nanak:

duyee kudrat saajee-ai kar aasan ditho chaa-o

Dio si sedette in una posizione per vedere la graziosa felicità di Se stesso e della Sua creazione.

That is the power of the posture! Asan is not a small thing. Asan means also ‘seat’. It means elementary power on which you house your consciousness. People don’t understand, they think this is all a joke. No! Posture is your foundation on which is a hub – on which all your movement is calculated. If you do not have a deep steady posture – you have nothing!

© Yogi Bhajan September 11th, 1990

Approfondisci la tua pratica con il corso Lo Yoga delle Asana raggiungerai una comprensione più dettagliata della meccanica, dell’energia e del linguaggio corporeo contenuto in ciascun asana eliminando quei blocchi che ti impediscono di sperimentare a pieno la magia contenuta nelle asana e nei kriya di Kundalini Yoga.

Lo Yoga delle Asana ti fornirà gli strumenti non solo per migliorare la pratica di un asana ma anche per raggiungere quel grado di consapevolezza corporea che ti consentirà di essere totalmente presente all’esperienza cosi da arricchire i tuoi insegnamenti oltre che le tue pratiche meditative.

  
Lo Yoga delle Asana è suddiviso in 6 moduli, per un totale di 80 ore di insegnamento.
Contenuti dei moduli:
  • Studio approfondito della teoria degli angoli e dei triangoli che rendono il Kundalini Yoga cosi efficace.
  • Anatomia sottile delle nadi. Meridiani, muscoli e campo elettromagnetico nel contesto di una asana. Malattie principali e limitazioni relative al sistema muscoloscheletrico.
  • Come praticare una asana con devozione e compassione.
  • Come comunicare maestosità e maestria attraverso la postura.

yoga 034“Quali sono I fattori che influenzano una postura? Le emozioni, le abitudini acquisite, l’opinione verso e stessi, un trauma fisico, l’alimentazione, la consapevolezza di se, la respirazione ed il modo in cui si respira. La mia postura rappresenta il mio compromesso con quello che è successo nella mia vita.

Quando la postura è appropriata il dispendio energetico per sostenerla è minimo. Non c’è dispersione di energia perché si usa solo l’energia indispensabile per stare in quella postura. C’è totale cooperazione a livello muscolare fra i muscoli protagonisti e quelli antagonisti, totale bilanciamento. Se un muscolo non lavora appropriatamente viene compensato da un’altra fascia muscolare.

Anche la posizione dei vostri piedi è molto importante. Cosi com’è importante l’angolatura fra il bacino e la colonna vertebrale. Pensate potete apprendere come correggere la vostra postura regolando la vostra mascella!” — Sadhana Singh, Lo Yoga delle Asana, Svezia, Giugno 2011